29

marzo

29 marzo

Futura annuncia nuovi ospiti: Savater e Rizzolatti

Altri big per il Festival diretto da Gino Troli, il letterato spagnolo intervistato da Filippo La Porta e lo scienziato che ha scoperto i neuroni specchio

Futura svela in anteprima due nuovi protagonisti della prossima edizione. Dopo aver annunciato circa un mese fa l’arrivo a Civitanova di Massimo Cacciari a luglio, il Festival diretto da Gino Troli presenta altri due nomi di rilievo internazionale.

Il primo è il filosofo spagnolo Fernando Savater. Nato a San Sebastiàn, nel 1947, è professore di Etica all’Università dei Paesi Baschi. Il mondo lo ha potuto conoscere ed apprezzare per la sua opera Etica per un figlio. Savater fa della semplicità il suo punto di forza: la semplicità di raccontare le emozioni, le sensazioni, di raccontare la morte, per quel che si può, la vita e l’attualità di un mondo che perde sempre più la sua identità. Le sue opere trattano svariati argomenti, i quali racchiudono una brillante “filosofia della vita” che va dai semplici, ma fondamentali, dialoghi con un figlio, a un’infanzia recuperata, a una serie di domande cosiddette della vita e anche a una politica per un figlio. Tutto ciò, fa di Savater un grande filosofo, un contemporaneo di cui sicuramente si può apprezzare l’onestà intellettuale. A Futura, l’umanista spagnolo viene intervistato dal coordinatore Filippo La Porta su Don Chisciotte della Mancia, tra i lavori più conosciuti a livello internazionale, scritto da Miguel de Cervantes e pubblicato nel 1615.

L’altro ospite è una star della scienza: Giacomo Rizzolatti. Neuroscienziato italiano, nel 1992 coordinava il gruppo che ha scoperto i neuroni specchio, tra le più importanti ricerche degli ultimi decenni. Questa scoperta pone una base fisiologica all’empatia, in quanto le cellule motorie del cervello si attivano sia durante l’esecuzione di movimenti finalizzati, sia osservando simili movimenti eseguiti da altri individui. Nato nell’allora Unione Sovietica nel 1937, a Kiev, ha ricevuto svariati premi, riconoscimenti ed onorificenze in tutto il mondo, tra cui il Brain Prize. Nel 1985 e 1986 è stato presidente della European Brain Behavior Society; oggi è membro dell’Academia Europea, dell’Accademia Nazionale dei Lincei, dell’American Academy of Arts and Sciences e dell’Accademia delle scienze francese dell’Institut de France. È rappresentante onorario della Società Italiana di Neuroscienze di cui è stato presidente e dal 2002 è Direttore del dipartimento di neuroscienze dell’Università di Parma. Futura vanta una sezione di grandi protagonisti della scienza e, come nelle precedenti edizioni, a luglio avrà ospiti di assoluto rilievo, con appuntamenti serali anche in piazza.

Nella foto il neuroscienziato Rizzolatti